Chi siamo

Cos'è CIRP

La Cooperativa CIRP (Creare Integrazione Resilienza e Possibilità) è una cooperativa sociale di tipo A, propone interventi in favore di persone che presentano difficoltà linguistiche e comunicative, in sinergia con diversi soggetti sanitari e territoriali.

Quando un problema linguistico e/o comunicativo irrompe nella vita di una persona, possono esserci implicazioni a livello psicologico, relazionale e sociale. Il nostro approccio “olistico” (che tiene conto delle diverse componenti) ed “ecologico” (sempre riferito alla specifica realtà personale e sociale) aiuta le persone e le famiglie sia a ridurre il limite che ad uscire dal “circolo vizioso” della patologia per vivere al meglio delle proprie abilità e possibilità di autonomia.

Foto Sito (10)
Foto Sito (9)

Il nostro obiettivo

Cosa possiamo fare per voi

Incontriamo ogni persona e ogni famiglia per trasformare il “non posso più fare” in “cosa posso ancora fare”, sia per ottenere il miglioramento delle proprie difficoltà, sia per potenziare le abilità e rendere stabili i progressi. Per riuscire a fare questo, con competenza, passione ed efficacia ci rivolgiamo anche al territorio creando connessioni con luoghi e attività che siano fertili laboratori di realizzazione personale e, quindi, di partecipazione e inclusione sociale; inoltre ci proponiamo di aumentare le conoscenze della comunità attraverso interventi specifici di ricerca, di formazione e di sensibilizzazione. I nostri interventi sono sottoposti a costante studio al fine di verificarne l’adeguatezza e l’utilità; il confronto con la comunità scientifica ci aiuta a mantenere una elevata qualità e innovazione dei nostri strumenti.

La nostra storia

Da Fondazione Carlo Molo a CIRP

La Cooperativa CIRP si è costituita nel 2018 per proseguire l’esperienza del Centro Afasia CIRP – Fondazione Carlo Molo Onlus. Il Centro Afasia CIRP è nato da un progetto innovativo presentato e sviluppato dal dott. Stefano Monte con il sostegno della Fondazione Carlo Molo Onlus. Nel 2003 è stata stipulata la prima convenzione con il SSN nazionale; gradualmente l’intervento si arricchisce del contributo di diversi professionisti che vengono coinvolti e grazie alle fertili collaborazioni con diversi soggetti territoriali. Il Centro Afasia CIRP ha sviluppato nel tempo un modello multidisciplinare integrato che è apprezzato e riconosciuto sia dalle persone, sia dalla rete dei servizi e dalla comunità scientifica.

I nostri valori

La centralità e l’unicità della persona.

Riconosciamo e rispettiamo le competenze, le abilità e i valori di tutte le persone che entrano in relazione con noi, valorizzando e potenziando le unicità e le particolarità.

L’innovazione, la competenza e la
professionalità.

Siamo sempre alla ricerca di nuovi strumenti, attività e progetti che possono contribuire a realizzare al meglio la nostra mission.
Non improvvisiamo nulla, bensì reputiamo elementi imprescindibili del nostro agire un’adeguata preparazione e un’accurata competenza professionale.

Il ruolo attivo dei partecipanti e l’inclusione.

Crediamo nel ruolo attivo dei partecipanti, quindi progettiamo interventi e laboratori basati sulle abilità affinché possano essere realmente fonte di apprendimento da esportare nella vita.
I nostri interventi si basano su criteri di inclusione piuttosto che di esclusione.

La coerenza.

Siamo diversi tra noi, ma coesi, e cerchiamo di essere anche al nostro interno quello che vogliamo realizzare esternamente.

L’attenzione ed il rispetto.

Condividiamo una cultura basata sul rispetto e sull’attenzione verso il prossimo. La relazione con l’altro, per noi, non è solamente un obiettivo, ma anche uno strumento di lavoro.

Stefano Monte
“Sono le onde a impedire che i mari siano semplicemente delle enormi pozzanghere”

David Foster Wallace

Stefano Monte

Presidente della cooperativa cirp (dal 2018)
Ideatore e fondatore del centro afasia cirp – fondazione carlo molo onlus (2003)

Psicologo, psicoterapeuta, si specializza in Psicoterapia di Gruppo e Psicosocioanalisi. In seguito all’incontro con Mariateresa Molo e all’interesse della Fondazione Carlo Molo onlus nel suo progetto, nel 2003 fonda il Centro Afasia CIRP e realizza con successo l’obiettivo di adattare e utilizzare le competenze psicoterapeutiche per migliorare la qualità di vita delle persone afasiche. La sua formazione professionale l’ha da sempre spinto a coltivare apprendimenti ed esperienze in grado di integrare gli ambiti più tradizionalmente clinici con quelli sociali. Questo gli ha permesso non solo di diventare un esperto psicoterapeuta individuale, di coppia e di gruppo, ma anche di sviluppare competenze nel campo della formazione, della consulenza al ruolo, della supervisione ai gruppi che lavorano nelle organizzazioni e, più in generale nell’intervento sociale e di comunità.

Nella Cooperativa CIRP è il rappresentante legale (dalla sua costituzione nel 2018) e quindi responsabile della gestione e dell’amministrazione; ha cura dello sviluppo delle attività e delle collaborazioni con il territorio (dal 2003); coordina gli interventi, i progetti di formazione e di ricerca del CIRP (dal 2003). Si occupa anche di alcune fasi dell’intervento (assessment iniziale e individuazione del progetto di lavoro individuale, valutazione in itinere dei risultati e monitoraggio), è psicoterapeuta nel gruppo di “Conversazione Narrativa” e svolge attività di docenza universitaria, di formazione e di ricerca.

Maristella Crielesi

Psicologa, psicoterapeuta, sessuologa, insegnante mindfulness

Si laurea in Psicologia Clinica e di Comunità presso l’Università degli Studi di Torino, consegue la specializzazione in Psicoterapia (ad orientamento cognitivo-costruttivista) per completare la sua formazione come Sessuologa e Insegnate Mindfulness.

Membro del Consiglio di amministrazione della Cooperativa CIRP, svolge la propria attività in ambito individuale e di gruppo utilizzando gli strumenti della psicoterapia per orientare e accompagnare la persona nel proprio percorso di cambiamento.

Sviluppa e approfondisce un approccio orientato alla Mindfulness per permettere la scoperta, la conoscenza e la trasformazione dell’esperienza personale, al fine di favorire nuove possibilità di racconto integrato di sé.

Nella Cooperativa CIRP si occupa di Progettazione e conduzione del progetto Mindfulness e Afasia in ambito individuale e di gruppo (2011-2018); attività di studio, ricerca e scambio professionale sugli sviluppi teorici e applicativi della clinica terapeutica con particolare attenzione alla Mindfulness (2011-2019); realizzazione del percorso formativo per studenti di Logopedia e Infermieristica nell’ambito del progetto Teatro e Afasia (2013-2018); attività d i tutor per studenti di Psicologia (2013-2019).

Maristella Crielesi
“Quest’avventura ha tutte le caratteristiche del viaggio di ricerca
dell’eroe: è la ricerca di te stesso lungo i cammini della vita”

Jon Kabat-Zinn

Alessia Congia
“Quando si chiude una porta, si può aprire di nuovo, perché di solito è così che funzionano le porte”

Albert Einstein

Alessia Congia

Assistente sociale

Laureata in Scienze del Servizio Sociale si specializza all’Università Cattolica di Milano con il corso su “Tecnologie per l’autonomia e l’integrazione di anziani e disabili”. Si forma nell’ambito dell’Auto Mutuo Aiuto diventando facilitatrice di gruppi AMA presso l’Inail (Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro), dove svolge a tempo pieno il suo lavoro di assistente sociale. Nel 2017 consegue la certificazione ECC, European Care Certificate, attestato personale con valenza europea che certifica la preparazione degli operatori operanti nel settore socio-assistenziale. Membro del Consiglio direttivo della Cooperativa CIRP si occupa di orientare le persone colpite da danno cerebrale e le loro famiglie all’interno del sistema di welfare, sia rispetto a servizi e prestazioni sociali che opportunità e risorse utili per la partecipazione sociale e culturale della persona. Un percorso realizzato insieme al paziente e ai suoi care giver, un accompagnamento competente finalizzato al miglioramento della qualità di vita.

Nella Cooperativa CIRP si occupa di orientare/informare le persone sui passi necessari per l’accesso alla prestazioni ed alle agevolazioni previste, al fine di favorire la massima tutela sociale possibile; individuare opportunità per favorire il raggiungimento del massimo livello possibile di qualità di vita e partecipazione sociale; potenziare la rete sociale e relazionale delle persone e delle loro famiglie attraverso le sinergie con le risorse esistenti, proponendo concreti spazi relazionali; contribuire alla prevenzione dell’isolamento e del ritiro sociale.

Lorena La Rocca

Tecnico della comunicazione, mediatrice di teatro sociale e di comunitÀ™, regista

Si diploma con lode al Master in Teatro Sociale e di Comunità dell’Università di Torino, Tecnico della Comunicazione LIS, studia recitazione e regia combinando insieme linguaggio teatrale e comunicazione visivo- gestuale. Socio lavoratore della Cooperativa CIRP sviluppa un approccio riabilitativo alla comunicazione che utilizza la teatralità come strumento per scoprire abilità di comunicazione non verbali e nuove forme di espressione e narrazione, in supporto al deficit linguistico. Conduce i laboratori individuali EsMo (Espressione e Movimento), dal 2013 è direttrice artistica di Teatro Babel, gruppo teatrale composto da attori con afasia e studenti in formazione in ambito socio sanitario e artistico. Progetta e realizza azioni di promozione alla salute attraverso percorsi di formazione universitaria e azioni artistico culturali. Nel 2019 consegue la laurea magistrale in Politiche e Servizi Sociali all’Università di Torino dove approfondisce lo studio di progetti di innovazione sociale art based.

Nella Cooperativa CIRP si occupa di progettazione e conduzione del progetto Alfabeto Teatro (2011- 2016), Ideazione e realizzazione del percorso formativo per studenti logopedisti e infermieri Teatro e Afasia (2013-2019), ideazione e conduzione di “NarrAzioni Teatrali”, responsabile del progetto artistico Teatro Babel (2013-in corso), conduttrice del laboratorio EsMo-Espressione Movimento (2016-in corso).

Lorena La Rocca
"Solo quando è buio riusciamo a vedere le stelle”

Martin Luther King

Mariateresa Matera
“È necessario correre dei rischi. Riusciamo a comprendere il miracolo della vita solo quando lasciamo che l’inatteso accada”

Paolo Coelho

Mariateresa Matera

Psicologa, esperta in valutazione e riabilitazione neuropsicologica dell’adulto e dell’anziano

Dopo la laurea specialistica, consegue il Master in Riabilitazione Neuropsicologica dell’Adulto e dell’Anziano. Approfondisce il suo interesse sulla neurofisiologia studiando il Biofeedback, un sistema di registrazione e retroazione dei segnali psicofisiologici.

Interessata a un approccio trasversale agli esiti del danno cerebrale e alla ricerca clinica si occupa di individuare le risorse cognitive (attenzione, linguaggio, memoria…) compromesse da riabilitare/ stimolare adattando l’intervento sulle attività di interesse e l’ambiente di vita della persona al fine di garantire maggiori gradi di libertà ed autonomia.

Socio lavoratore della Cooperativa CIRP è attualmente in specializzazione alla Scuola in Psicoterapia Cognitivo-costruttivista.

Nella Cooperativa CIRP si occupa di progettazione sociale (2016-in corso); ricerca sul progetto Conversazione Narrativa (2016- in corso); analisi della domanda, in merito ad approfondimenti neuropsicologi (2017- in corso); riabilitazione neuropsicologica ecologica (2017-in corso); Stimolazione Cognitiva Ludica (Ideatrice e conduttrice gruppo, 2018 in corso), monitoraggio dell’attività dei Tutor/peer educator all’interno del progetto stesso (2018 in corso).

Francesco Fissolo

Socio volontario della cooperativa CIRP vive l’esperienza dell’ictus nel 2006 all’età di 57 anni. inizia nel 2007 il suo percorso terapeutico e di reinserimento sociale presso il centro afasia cirp

Nel 2011 comincia la sua esperienza attoriale in Teatro Babel dove tuttora presta attività. Nel 2012 contribuisce alla realizzazione del libro guida per il Museo del cinema di Torino e si fa promotore attivo delle attività socio culturali non solo della Cooperativa CIRP ma anche della Fondazione Carlo Molo Onlus. Grazie a un intenso lavoro di riscoperta delle risorse personali dopo la malattia assume un ruolo di supporto alle attività della Cooperativa cui partecipa sia come fruitore che come operatore volontario in qualità di peer operator sollecitando empowerment e riconoscimento in chi approda al percorso di cura o convive da anni con l’afasia. “Dell’esperienza vissuta nella Cooperativa CIRP mi sento arricchito per le persone, il gruppo di teatro insieme ai giovani. Prima lavoravo solo, ora condivido con gli altri le esperienze. Le persone al CIRP non guardano solo alla parola ma nell’ insieme alla persona. Diventare socio è nato dall’esigenza di stimolare le persone che rinunciano a vivere per l’afasia.”

Nella Cooperativa CIRP grazie a un percorso di formazione permanente sostenuto dai professionisti della cooperativa, è diventato un peer educator; attualmente svolge attività di facilitazione nel laboratorio di stimolazione cognitiva ludico e partecipa attivamente al gruppo lettura, è un attore di Teatro Babel.

Francesco Fissolo
“Non rimandare a domani ciò che puoi fare oggi”

Benjamin Franklin

Antonietta Vairo
“Passo dopo passo la cosa è fatta”

Charles Satlas

Antonietta Vairo

Socia volontaria della cooperativa cirp, antonietta approda in questa realtÀ dopo il suo percorso riabilitativo, in seguito all’ictus cerebrale

Decisa a migliorare la sua comunicazione e a tornare a vivere una vita ricca di possibilità partecipa con passione ai diversi percorsi di cura proposti. In particolare l’esperienza al gruppo di lettura e il gruppo Conversazione Narrativa restituiscono ad Antonietta la passione per i libri e la competenza comunicativa. Diventa socia fondatrice della Cooperativa CIRP con l’obiettivo di mettere a disposizione di altre persone afasiche la propria esperienza, aiutandole a non isolarsi.
“Il gruppo di lettura mi è servito a parlare liberamente senza difficoltà, è servito a tutti. Io non pesavo fosse così, leggere a voce alta mi serve e ho fatto nuove amicizie, persone molto simpatiche! Il gruppo di Conversazione Narrativa, mi ha dato nuove strategie per ogni situazione e problemi, devi conoscere strategia come la parola, il gesto. Ho imparato con calma ad affrontare la situazione, a lentezza ti fa riflettere per parlare meglio”.

Nella Cooperativa CIRP grazie a un percorso di formazione permanente all’interno della cooperativa, è diventata un peer educator; attualmente svolge attività di facilitazione nel laboratorio di stimolazione cognitiva ludico e partecipa attivamente al gruppo lettura.